Che cosa sta accadendo realmente Oggi?

In molti mi chiedono e si chiedono, ormai da qualche giorno, che cosa stia accadendo intorno a noi in merito alla situazione attuale, al coronavirus, ecc. ecc. e la mia risposta, se volete un po’ ironicamente e provocatoriamente, è sempre la stessa: non sta accadendo nulla di nuovo!

La verità è che è proprio così, non sta accadendo nulla di nuovo e tra un istante cercherò di aiutarvi a capire e, speriamo, a comprendere, che non sta accadendo nulla di nuovo e anzi, in questo momento c’è una grande, enorme, importante, straordinaria possibilità.

Di cosa sto parlando?

Semplice. Chi mi conosce sa che da sempre continuo a ribadire la stessa cosa: dovete imparare a discernere tra ciò che è la realtà oggettiva e ciò che è la realtà soggettiva ovvero tra ciò che realmente accade e l’interpretazione di ciò che accade.

Da sempre cerco di spiegare con tutto me stesso che l’uomo vive come se fosse all’interno di una prigione di cui non si rende conto, da sempre cerco di spiegare che l’uomo continua costantemente ad interpretare, e quindi a dare un valore aggiunto, alle impressioni che lo raggiungono e da sempre cerco di spiegare che l’uomo dorme, è meccanico e reagisce meccanicamente agli stimoli che lo raggiungono.

Oggi sta accadendo questo: l’uomo dorme, come sempre, e reagisce dando un valore aggiunto, in questo caso la paura, agli stimoli che lo raggiungono in particolare dai media, dalle altre persone che lo circondano, da un male che non sa vedere e individuare, il virus, ecc. ecc.

L’uomo, in altre parole, sta lottando in questo momento contro i mulini a vento della propria coscienza soggettiva, sta facendo una guerra fuori di sé che non è altro se non il frutto, la manifestazione, di una guerra interiore.

Per capire e comprendere meglio ciò che sta accadendo è quindi importante, come sempre, fermarsi ad osservare i fatti, i dati, così come essi sono realmente, è necessario verificare tutto ciò che ci viene detto e non fare mai nulla che non si capisce.

Sono semplici e banali regole di buon senso che l’uomo moderno non applica mai, distratto da tutto ciò che lo circonda, vivendo in un turbinio di continue distrazioni nel cercare di dare risposte spesso a domande irreali e intanto corre, e rincorre costantemente il nulla, senza mai fermarsi, con un minimo di ragione, ad osservare ciò che accade realmente.

Cosa accade allora realmente?

C’è in circolazione un virus, il coronavirus, che ha una “capacità virale” importante. E’ silenzioso, entra dentro di noi, ci abita, abita la nostra “casa” più intima, i polmoni, e crea dei danni. Il tutto non più e non meno di tanti altri virus che negli ultimi 30 anni ci hanno raggiunto, più o meno ogni anno in un modo nuovo, in un modo subdolo, ma sempre virus sono, virus simil-influenzali o virus di altra natura … Virus più o meno virulenti, in questo caso più virulenti, molto virulenti, ma sempre di virus, in questo caso, simil-influenzali stiamo parlando. Qualcuno ha forse dimenticato (si lo avete dimenticato!) la SARS, oppure Ebola, solo per citare i due più famosi? Potremo ricordare AIDS … oggi in media nel mondo muoiono ogni giorno più di 1000 persone a seguito dell’AIDS ma pare che non ce ne occupiamo più.

La mortalità di queste malattie appena citate si attesta ad un livello molto più alto di quello che oggi stiamo osservando, dopo oltre 6 settimane di osservazione, in merito al coronavirus. Pensate che da coronavirus in media nel mondo oggi muoiono circa 100 persone.

In Cina, spero vi siate informati, a Wuhan, la vita sta riprendendo alla grande, il virus è stato circoscritto e ha una mortalità che è già scesa a meno dello 0,05%. Perché? semplice, hanno applicato regole di contenimento costrittive, anche più forti di quelle che abbiamo noi oggi in Italia, ma più di ogni altra cosa lì le giornate si sono allungate, inizia a fare caldo davvero (le temperature massime arrivano a oltre 23 gradi, guardate su meteo.it!) e a 26 gradi il coronavirus muore da solo.

Il virus in questo momento si sta diffondendo nelle regioni al di sopra del tropico (quindi anche da noi in Italia) dove ancora non si è riscaldata la temperatura oltre i 23 gradi e allo stesso tempo ne danno evidenza maggiore i popoli e gli stati che fanno maggiori indagini in questo momento (ovvero i popoli al di sopra dei tropici!) e, tra essi, chissà perché, noi in Italia stiamo facendo un numero di tamponi 15/20 volte maggiore rispetto al numero di tamponi, per unità di superficie e popolazione, che si stanno facendo in qualsiasi altro stato del mondo. In pratica, da noi cerchiamo i positivi con il microscopio mentre in altri paesi non si cercano affatto quindi da noi è ovvio che i dati relativi ai positivi siano più alti di altri paesi dove il virus ha la medesima virulenza ma non lo sa nessuno. Pensate che oggi in Veneto, una piccola regione dell’Italia, sono stati fatti il triplo dei tamponi fatti in tutto lo stato della Svizzera. In pratica ci stiamo dicendo che in Italia siamo come gli altri Paesi in cui il virus è giunto e si sta diffondendo, solo che noi lo sappiamo e gli altri ancora non lo sanno.

Il 93/95% dei contagiati e il 99% dei decessi in Italia, si ha tra persone affette da patologie pregresse e da immunodeficienza pregressa (significa, per chi non conosce questi termini, che coloro che si sono aggravati a seguito del virus e coloro che sono morti, sono per la stragrande maggioranza persone con uno stato di salute già precedentemente al contagio molto gravi).

Parliamo di anziani già in condizioni di salute precaria, parliamo di persone in cura chemioterapica oppure di persone più giovani con situazioni di patologie polmonari e compromissioni polmonari importanti (fumatori incalliti o persone con polmoniti ancora in via di soluzione o persone che assumevano dosi importanti di ace-inibitori ovvero farmaci in uso per il controllo della pressione per cui si è visto che il coronavirus usa proprio i recettori ACE2 per insinuarsi nella cellula e diventare nocivo a livello polmonare!).

In altre parole il virus miete le sue vittime tra persone con uno stato di salute, come già detto, già compromesso.

Una normale influenza avrebbe fatto altrettanto? Sì, forse con una incidenza meno aggressiva, anzi, di certo con una incidenza meno aggressiva ma sì, ogni anno l’influenza genera e dissemina morti tra coloro che sono già deboli.

Continuiamo a vedere i dati…

Il grande allarmismo e il motivo per cui il governo ha introdotto le regole comportamentali e le restrizioni, è determinato dal fatto che il numero di macchinari in grado di supportare la vita dei pazienti che si aggravano, parliamo di respiratori artificiali, è purtroppo inferiore al numero dei casi, dei soggetti, che, aggravandosi, ne hanno bisogno. Si deve quindi cercare di ridurre il più possibile la diffusione del virus, sviluppo e diffusione inevitabili tra l’altro (se pensate minimamente che restando a casa risolviamo il problema siete fuori strada, queste misure servono per rallentare la diffusione del virus e non servono per ridurne la diffusione!). E invece la comunicazione che ci raggiunge sembra farci capire, ma nessuno lo dice apertamente, che siamo tutti in pericolo di vita. Domanda? Quanta gente vedete in pericolo di vita reale intorno a voi? Quindi parliamo di contenimento e di aiutarci a curare chi si ammala e ha bisogno di aiuto riducendo il numero e la frequenza di coloro che hanno bisogno di questo aiuto e cerchiamo di farlo riducendo la diffusione del virus quindi ben vengano le restrizioni ed è giusto attenersi ad esse, è giusto e doveroso attenersi alle indicazioni ricevute da chi per noi cerca di fare il suo meglio per contenere, in modo globale, la diffusione.

Oggi tra l’altro è ufficiale che grazie ad un farmaco che si usa in caso di malattia anti artrite, il tocilizumab, prodotto da Roger che ha deciso di donare questo farmaco a tutti gli ospedali che ne fanno richiesta, in circa 48/72 ore i pazienti trattati escono dalla fase acuta e quindi vengono estubati.

Vediamo altri punti di vista:

Alcuni parlano di complottismo, di America che vuole attaccare la diffusione del potere economico cinese, qualcuno parla degli Americani che ce l’hanno con gli Italiani perché Di Maio ha riaperto la “via della seta” per dare forza allo sviluppo commerciale cinese in Europa e quindi noi italiani dobbiamo essere attaccati come si attaccano i cinesi, piccolo particolare: il virus è arrivato e si diffonde anche in America e in tutta l’Europa e in tutti i continenti, non risparmia nessuno quindi non è e non può essere un attacco contro di noi o contro i cinesi. Ci sono poi metodi molto più aggressivi e subdoli se si vuole attaccare una singola nazione o stato…

E forse è anche vero che qualcuno, qualche lobby, ci ha messo del suo ma seguitemi ancora un po’ e capirete meglio.

Qualcuno parla ancora di un sistema economico al collasso che necessita di un azzeramento e quindi si sono inventati una guerra mondiale chimica e virale per resettare nuovamente il sistema finanziario e farlo ripartire (si stanno “fumando” milioni di miliardi di dollari ogni giorno nelle borse internazionali!) … forse è anche questa una parte della verità … ma la verità oggettiva è un’altra.

Come da più di un anno vi dico e come spiega Gurdjieff e come spiegano tutti i grandi maestri, in cielo sta avvenendo una battaglia e ciò che accade in cielo si riflette in terra.

Qual è la battaglia di cui vi parlo?

Si dice che il nostro pianeta abbia la possibilità di diventare un grande Sole, abbia la possibilità di portare nuova luce che riscalda, vivifica e illumina una parte dell’universo, dove noi viviamo, lontana, periferica rispetto al centro del Cosmo …  e con questa luce può rischiarare a nuova vita … allo stesso tempo il pianeta ha la possibilità di “spegnersi”, di inaridirsi, di diventare come la luna e di portare buio e divisione (ovviamente si parla di un processo di maturazione lungo, non immediato… !).

Ciò che noi chiamiamo il “bene”, alcuni chiamano tutto ciò “la scuola bianca”, la Via per l’unità, cerca di dare a questo pianeta forza ed energia, cerca di renderlo caldo e luminoso, cerca di accelerare la sua frequenza e con essa la frequenza di tutti coloro che vi abitano … allo stesso tempo ciò che noi chiamiamo “il male”, la scuola nera,  la Via della divisione, cerca di raffreddare, di sconvolgere, di ridurre la frequenza con le emozioni negative, con la paura, con la battaglia e la divisione … e tutto questo si riflette in terra.

Le lobby? Si certo, fanno, ma senza rendersene conto fanno ciò che il “male” vuole che sia fatto, vengono raggiunti da suggerimenti che propongono strategie di divisione, di battaglia, di guerra … e coloro che fanno “il bene” vengono allo stesso tempo raggiunti da pensieri di luce, di unità e cercano, a loro modo, in modo più o meno consapevole, cercano di portare pace.

Allora, comprendete che questa battaglia che è fuori di noi, in verità è una battaglia che è dentro di noi ed è una battaglia che dura da sempre.

Il bene e il male sono una battaglia che i nostri “io” combattono dal primo nostro respiro e combatteranno fino all’ultimo respiro, ciò che è fuori è un riflesso di ciò che è dentro e quindi imparare a “combattere” fuori di noi oggi ci può aiutare a capire come dobbiamo “combattere” dentro di noi.

Che cosa si deve fare quindi:

Di certo seguire le regole proposte dal Governo, restare a casa se non per uscite strettamente necessarie, rispettare la distanza, portare la mascherina se ammalati … ma attenzione, rispettiamo le regole senza perdersi nelle regole stesse. Inutile fare le corse al supermercato, inutile paralizzarsi in casa, inutile correre a casa in altre regioni se non serve, il virus comunque ti raggiungerà dovunque vai. Lavarsi le mani, per igiene personale, rispettare la distanza gli uni gli altri, certamente, ma allo stesso modo apriamo il cuore e abbracciamo tutti con la nostra forza interiore.

Non perdetevi nei comunicati e nelle news inutili, nelle interpretazioni di altri, non trasformate una chiacchiera in verità, non diffondete preoccupazioni inutili o allarmismo ingiustificato ma soprattutto lasciatemi dire ciò che vi serve davvero:

Dovete imparare ad ascoltarvi, ad ascoltare ciò che dentro di voi chiede ascolto, chiede silenzio.
Dovete osservare i vostri io, i gruppi di io che reagiscono meccanicamente ad ogni impressione.
Dovete osservare i vostri meccanismi automatici e dovete imparare a riconoscerli.
Dovete riconoscere l’emozione negativa della paura e dovete capire da dove arriva.
Dovete respirare bene e nutrirvi bene, in modo vario.
Dovete rispettare il vostro corpo e dovete rispettare l’ambiente che vi circonda.
Dovete rispettarvi e rispettare i vostri simili.
Dovete lasciare spazio al noi e all’altro da noi e lasciare che il vostro Ego, una volta per tutte, si limiti ad occuparsi di sé e non degli altri o dell’altro.
Dovete fare Pace e portare la Pace.
Dovete aiutarvi e dovete imparare ad aiutare.
Dovete scegliere l’unità e non la divisione.
Dovete mettervi in ascolto di chi può suggerirvi cose buone e utili e dovete lasciare andare chi invece vi porta a pensieri negativi e alla battaglia.
Dovete essere sinceri con voi stessi e con gli altri.
In questo modo sarete più attenti, più vigili, più presenti e quindi meno fragili.

In pratica, in altre parole, dovete imparare ad Amare.

Restate saldi nell’Amore che è dentro di voi e potete trovarlo, riconoscerlo e potete auspicare che esso vi pervada, vi nutra.

Ogni uomo ha in se l’Amore e sapete perché lo so con così tanta certezza?

Perché noi arriviamo tutti, nessuno escluso, da una fonte di Amore inesauribile.

Noi siamo fatti, nasciamo, da un gesto di amore … e non mi riferisco all’amore di nostro padre e di nostra madre ma di quell’Amore che ha creato la Vita intera, in perfetto equilibrio, costantemente nuova.

C’è quindi una battaglia in atto ma non è fuori di noi, è dentro di noi, tra quella parte di noi che vuole amare tutto e tutti e quella parte di noi che vuole tutto per sé e nulla per gli altri. Questa è la battaglia che dovete evitare.

Ora è tempo di scegliere, di scegliere se volete l’unità o la divisione.

Una volta che avrete scelto, se sceglierete l’amore, allora in centinaia, in migliaia di angeli vi raggiungeranno e vi diranno ciò che dovete fare … diventerete operatori di Pace e di Amore per voi e per coloro che vi circondano. Naturalmente parlerete di speranza, naturalmente gioirete alla vita, naturalmente riconoscerete una notizia oggettiva da una notizia soggettiva.

Se sceglierete la divisione, accadrà lo stesso, vi dividerete dentro di voi e porterete divisione intorno e fuori di voi.

Se non sceglierete, morirete, in senso spirituale intendo. La vostra anima, il vostro cuore diventerà duro, inanimato e mortifero.

Credo quindi vi sia chiaro che non avete molte scelte in verità.

Scegliete di amare e iniziate ora, scegliere l’Amore e iniziate adesso con piccoli gesti, con un sorriso beota, con un nuovo e rinnovato rispetto per voi e per chi vi circonda. Scegliete il rispetto di tutto e per tutto e per tutti. Scegliete la distanza, anche quella di sicurezza per il virus, certo ma la distanza dalle cose, dalle emozioni negative, dalla rabbia, dalla PAURA.

Vi prego, fate silenzio e ascoltate la Pace, o se non altro provateci con serietà e costanza,

se farete così ci incontreremo molto spesso, nel cuore e cammineremo insieme in un mondo migliore.

Auguro una vita appassionata a tutti!

Ad oggi più di 25.000 Persone hanno scelto di ricevere le mie news

direttamente nella propria e-mail

Iscriviti alla mia Newsletter Ora !